Attività a.s. 2014/2015

Programma preventivo 2014/2015 delle Scuole in Rete

RELAZIONE CONSUNTIVA DELLE ATTIVITA’ DEL PROGETTO SCUOLE IN RETE 2014/2015

La progettazione dell’a.s. 2014/2015 è inserita all’interno del progetto Camminare assieme per un nuovo umanesimo presentanto dalle Scuole in Rete attraverso il Comitato d’Intesa tra le associazioni volontaristiche della provincia di Belluno e il Centro Servizi per il Volontariato ed  ha vinto il bando 2014 della Regione Veneto  per la promozione dei Diritti Umani e la cultura di Pace.

Le attività inserite nel progetto Camminare assieme per un nuovo umanesimo si concluderanno nel dicembre 2015. Qui vengono presentate tutte le attività già svolte all’interno del progetto complessivo delle Scuole in Rete, di cui gran parte inserite nel bando di cui sopra e di cui molte attivate in collaborazione con gli studenti della Consulta Provinciale degli Studenti di Belluno (vedasi relazione specifica)

Le attività hanno coinvolto nel complesso tutti gli ambiti territoriali della provincia (Feltre, Belluno, Agordo, Pieve di Cadore, Santo Stefano, Cortina), quasi tutti gli istituti della Secondaria di II Grado e una molti  istituti di I grado.

Sono stati direttamente coinvolti circa 6.300 studenti e 700 adulti, molti di più se si considerano le attività organizzate all’interno delle scuole su stimolo o sostegno del progetto delle Scuole in rete.

Inoltre le Scuole in Rete in collaborazione con le CPS hanno agevolato la proposta nelle assemblee di istituto di tematiche e testimonianze inerenti l’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione

ATTIVITA’

STUDENTI

COINVOLTI

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’ E COSTITUZIONE

11/10/2014 spettacolo sulla legalità de Il Tappeto di Iqbal, associazione che raccoglie i ragazzi strappati dalla strada alla camorra dal titolo Giovecca, storie sommerse dal ghiaccio. Tema dello spettacolo la legalità e la cittadinanza attiva

277

4/3/2015 Incontro sulla legalità con Marcello Cozzi numero due di Libera, associazioni e numeri contro le mafie.

217

14/3/2015 Incontro con Caterina Chinnici eurodeputato e autrice del libro E’ così il lieve il tuo bacio sulla fronte dedicato al padre Rocco Chinnici vittima della mafia

303

17/3/2015 Costituzione: Incontro con Lorenza Carlassare presidente della Scuola di Cultura Costituzionale dell’UNIPD

300

21/5/2015 in collaborazione con il Comune di Belluno, Spettacolo sulla legalità Buongiorno Giovanni, che racconta la storia del pool antimafia e di Giovanni Falcone al Teatro Comunale

70

9 maggio: Sottoscrizione del patto di Presidio di Libera in Cadore: è' stato sottoscritto nella sala della Magnifica Comunità di Pieve di Cadore il patto per il Presidio di Libera in Cadore. Tra i fondatori del presidio vi sono le Scuole in Rete per un Mondo di Solidarietà e Pace, l'Istituto Comprensivo di Auronzo, l'Anpi e Samarcanda.Il presidio è stato intitolato come da statuto ad una vittima innocente di mafia con la scelta ricaduta su Barbara Rizzo, giovane madre uccisa per errore in un attentato 30 anni fa con i suoi figli gemelli Salvatore e Giuseppe a Trapani.

 

Viaggio della legalità a Barbiana e Bologna 20 e 21 marzo 2015. La Costituzione come strumento di promozione della persona è stato il tema sotteso alla vista a Barbiana e all’incontro con gli ex alunni (Michele Gesualdi) di don Milani. A Bologna gli studenti hanno partecipato alle attività proposte dalla giornata della memoria e dell’impegno per le vittime delle mafie

40

 PROMOZIONE DELLA PERSONA,  DELLA SICUREZZA, DELLA CULTURA DELLA RECIPROCITA' E DEL VOLONTARIATO

o   Promozione, nell'anno dell'Expo di Milano, della cultura della corretta alimentazione e dello stretto rapporto tra  tutela del territorio, dei prodotti e dell'economia locale e tutela della salute. Sono stati organizzati due incontri sotto forma di workshop sul futuro del territorio bellunese, ipotizzando possibili scenari partendo dalla valorizzazione dell'esistente e coinvolgendo in una discussione con gli studenti alcuni esperti e importanti attori economici della provincia. Agli incontri hanno partecipato giornalisti, esperti del mondo cooperativo del Gal Prealpi e Dolomiti e dell’imprenditoria di eccellenza bellunese. Due incontri con a Belluno e Feltre (10 e 17 gennaio 2015)

400

Spettacolo delle Scuole in Rete: Sabato 28 marzo alle ore 20:30 presso il Teatro Comunale di Belluno si è tenuto il tradizionale Spettacolo delle Scuole in Rete dal titolo: “Camminare assieme per un nuovo umanesimo. Nel centenario del primo genocidio del ‘900, della Prima Guerra Mondiale e per prevenire la Terza...”.

Lo spettacolo, giunto alla sua decima edizione, è un evento artistico, a cui hanno partecipato in questa occasione 7 istituti gemellati con altrettante associazioni di volontariato, che ha raccolto  attorno ad un progetto di cittadinanza attiva e di  solidarietà molte delle migliori energie creative degli studenti della provincia. Sette laboratori artistici nelle scuole hanno dato vita ad altrettante performance artistiche (teatro, musica, danza e coreografia) che hanno voluto rappresentare sulla scena l’impegno dei giovani per i valori fondanti della comunità. Lo spettacolo era volutamente rivolto al pubblico adulto (600 gli adulti presenti) per corresponsabilizzare la comunità provinciale nell’azione educativa nella valorizzazione dei giovani e ha visto impegnati 300 studenti.

300 studenti e 500 adulti

Volontariato estivo  informatico: le Scuole in Rete gestiscono un laboratorio di trashware e recupero di PC dismessi da distribuire a scuole e associazioni e corsi di informatica per anziani e bambini. 9 volontari

12

Volontariato estivo culturale: il referente coordina e segue, anche tramite una giovane che svolge servizio civile per le Scuole in Rete, 15 volontari che svolgono attività di volontariato nell’ambito culturale di cui 1 presso l’ISBREC di Belluno e 14 presso l’Archivio di Stato di Belluno di cui 2 sotto forma di stage formativo.

17

Promozione del progetto “CSV volontario anche tu” e collaborazione con il Tavolo Scuola e Volontariato (UST, Scuole in Rete, CSV)

900 volontari nelle diverse associazioni

30/5/2015 incontri con Yvan Sagnet: ragazzo del Camerun che nel 2011 si trovò a lavorare come bracciante nei campi di pomodoro di Lecce per pagarsi l’Università e da qui guidò la protesta dei lavoratori immigrati sfruttati come braccianti trattando condizioni migliori per i suoi compagni. Grazie a lui ora in Italia esiste il reato di caporalato. A Belluno e a Santo Stefano di Cadore

200

6/6/2015 a conclusione del progetto Postcard from Belluno (Provincia di Belluno, Centro Servizi per il Volontariato e con la partnership delle Scuole in rete) che ha visti attivi 50 studenti delle Scuole in rete nella produzione di un video promozionale per l’integrazione della disabilità, si è tenuto il convegno finale di premiazione del concorso per la produzione di video promozionali del territorio bellunese ed un convegno internazionale in collaborazione con l’università di Barcellona sul video telling e gli strumenti di costruzione sociale del paesaggio e la promozione del proprio territorio attraverso i nuovi linguaggi multimediali (con la partecipazione di Mikaela Bandini ideatrice di Can’t forget Italy, Cristinia Menis dell’Agenzia del Turismo del Friuli Venezia Giulia e Francesc Munoz direttore dell’osservatorio dell’urbanizzazione dell’Università di Barcellona)

100

DIRITTI UMANI + EDUCAZIONE ALL’EUROPA + MONDIALITA’:

6/11/2014 Incontro con il giornalista Raffaele Crocco il Direttore dell’Atlante delle guerre e dei Conflitti nel Mondo al Centro Giovanni XXIII di Belluno

300

o   Concorso CON LA PACE NON FINISCE LA GUERRA per la produzione di ricerche, presentazioni, video, opere artistiche sulle tematiche legate al problema degli ordigni inesplosi in Italia e nel mondo. E’ stato proposto un concorso per produrre un elaborato che evidenziasse un percorso di ricerca e riflessione sul tema delle conseguenze durature degli effetti delle guerre in tempo di pace, compreso il dramma degli ordigni inesplosi oggi in Italia e nel mondo. Il concorso era stato preceduto da alcuni incontri di sensibilizzazione verso le problematiche geopolitiche e  i Diritti Umani: Sono stati distribuiti 17 premi.

Durante l’incontro di premiazione degli  elaborati (trasmesso sulla televisione locale Telebelluno), alla presenza di 300 studenti è stata presentata la problematica degli ordigni inesplosi, ancora molto presente in Italia e nel Bellunese, che ancora miete vittime a 70 anni dalla conclusione della guerra. Ancora più drammatica la situazione in molti paesi ancora in conflitto o recentemente usciti dal conflitto, dove gli ordigni inesplosi prolungano terribilmente le conseguenze delle guerre.

300

5 incontri con Giancarlo Garna archeologo in Curdistan e medio Oriente: L’ISIS e il traffico internazionale di opere d’arte (Feltre, Agordo, Pieve di Cadore, Belluno)

900

10 aprile: Young to Young Le Scuole in rete hanno partecipato alla presentazione dello studio di ricerca per esaminare ed esplorare le attitudini dei giovani nei confronti della violenza di genere che ha visto coinvolti gli studenti di alcuni Istituti delle Secondaria di Secondo Grado di Belluno ( a cura di Belluno donna)

40

o   Nel 20annale del genocidio del Ruanda il 20 e 21 novembre (per gli studenti e alla sera per la cittadinanza) le Scuole in Rete e Amnesty hanno proposto  lo spettacolo “Rwanda Dio è qui”  di Marco Cortesi e Mara Moschini  sulla tremenda tragedia che ha inizio alla cosiddetta “guerra mondiale interafricana, ancora non realmente conclusa.

300 studenti e 100 adulti

CORSO DI FORMAZIONE ALL'EUROPA E AI DIRITTI UMANI: Corso di educazione all'Europa, ai Diritti Umani e all'Europa

VIAGGIO DELLE SCUOLE IN RETE A GINEVRA E STRASBURGO Viaggio della Rete a Ginevra-Strasburgo 2015 - Scadenza 12/12/2014 - Regolamento e programma

MEETING delle scuole in Rete (9 giugno)  dalle ore 8 alle 12:30 presso il Teatro Comunale di Belluno si è tenuto  il IX Meeting delle Scuole in Rete per un Mondo di solidarietà e Pace,  in collaborazione con la Consulta Provinciale degli Studenti, il Comune di Belluno, Amnesty International e le associazioni che aderiscono alle Scuole in Rete.

La manifestazione è stata l’occasione per valorizzare e condividere i percorsi di cittadinanza attiva svolti dagli studenti all’interno delle tematiche e della programmazione condivisa in rete. All’interno della manifestazione ha vuto ampio spazio lo spettacolo La scelta di Marco Cortesi e Mara Moschini, una rappresentazione/riflessione sulla tragedia della guerra nella ex Jugoslavia.

Sono stati inoltre trattati altri temi di stretta attualità e legati al percorso educativo di questo a.s. sui Diritti Umani, la pace e la cittadinanza attiva (il traffico internazionale delle opere d’arte come elemento strutturale ai conflitti mediorientali (Giancarlo Garna, archeologo in Curdistan  Medio Oriente, la persecuzione delle minoranze religiose ed etniche Paul Bhatti fratello del ministro per le minoranze ucciso in Pakistan dai talebani, altri temi di attualità come la tragedia del Nepal e l’azione degli studenti delle Scuole in rete in favore delle popolazioni dell’Uganda e del Nepal (con l’Ong Insieme si Può e Laboratorio De Marchi). Al termine sono state presentate le opportunità formative del volontariato estivo.

Nel pomeriggio 80 studenti hanno partecipato all’Ecofesta organizzata dalla CPS di Belluno

627+80

 IDENTITA’ E CITTADINANZA DALLA MEMORIA

Gli studenti delle Scuole in rete e della CPS  sono stati coinvolti nelle principali ricorrenze civiche ed hanno rappresentato la scuola bellunese  di fronte alle autorità ed alla comunità, proponendo reading e riflessioni sempre apprezzatissime:

20 novembre in Teatro Comunale ricorrenza della Convenzione sui diritti dei Diritti dell’ Infanzia: gli studenti hanno commentato agli alunni del I grado alcuni diritti anche attraverso la lettura recitata del Piccolo Principe di Saint-Exupeéry

300

27/1/2015  giorno della memoria in Prefettura: gli studenti hanno celebrato con le autorità e l’ISBREC la ricorrenza proponendo letture e commenti. E’ stato presentato, ricostruito e analizzato il quadro degli ebrei deportati nella provincia di Belluno

100

20/4/2015  Nel centenario del primo genocidio del ‘Novecento, La CPS e le Scuole in Rete hanno voluto coinvolgere le autorità nella celebrazione ufficiale del Medz Yeghern. Gli studenti hanno proposto in Prefettura di fronte alle autorità alcune letture di riflessione sul genocidio a corollario della testimonianza del presidente dell’Unione degli Armeni in Italia.

100

22/4/2015 celebrazione del 70° della Resistenza in Teatro comunale. In particolare l’incontro approfondiva il legame Resistenza-Costituzione-legalità con l’incontro spettacolo con la compagnia teatrale  anticamorra VODISCA di Scampia: Gli studenti della CPS e delle Scuole in Rete hanno letto alcuni brani relativi alla Resistenza delle donne bellunesi durante la Resistenza. Ha fatto eco a queste letture la riflessione proposta dalla Compagnia Vodisca del quartiere di Scampia di Napoli sulla Resistenza delle donne del Sud. E‘ stata poi condivisa la riflessione su cosa possa essere Resistenza oggi al sud e in Italia: Resistenza contro l’illegalità, il degrado, il sopruso per l’affermazione dei valori della Costituzione.

100

2/6/2015 commento della Costituzione durante la celebrazione ufficiale in piazza dei Martiri: gli studenti hanno letto e commentato i primi 12 articoli della Costituzione

8 studenti

200 tra autorità e pubblico

 

ELENCO ATTIVITA'