"Fango" - con Marco Cortesi tra Vajont ed Emilia-Romagna - 29 febbraio

Le SiR, in collaborazione con L'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (ANVCG), presenta FANGO uno spettacolo Serale con Marco Cortesi e Mara Moschini dedicato alla tragedia dell'alluvione in Romagna: si tratta di una riflessione sull'acqua, sulla errata gestione o mancata programmazione, sulla avidità e insipienza dell'uomo che pensa di poter dominare la natura senza averne cura. Un messaggio che unisce Emilia-Romagna e Vajont con tante aree dell'Italia e del pianeta: cambiamento climatico e ingiustizia sociale,  sonnambulismo istituzionale e cecità pubblica...un ottimo brodo di cultura per le "zone grigie" del potere economico o politico.

29 febbraio - Teatro Dino Buzzati di Belluno ore 20:45 - ingresso Libero

 Oltre 450 eventi climatici estremi in Italia in 24 mesi

L’alluvione in Emilia-Romagna è stato il teatro di un evento tragico e senza precedenti ed allo stesso tempo l’inaspettato, sorprendente palcoscenico di una gara di solidarietà, coraggio e determinazione che ha illuminato i cuori di milioni di persone.
Storie di chi ha salvato, soccorso, quando sai che chi urla in piedi su di un tetto ha le ore contate, che la forza di un fiume è capace di travolgere ogni cosa, che chi dorme in una palestra senza più nulla se non la coperta che stringe sul petto ha bisogno di una parola di conforto più di qualsiasi altra cosa.

 Nel Reading sostenuto da immagini e video quanto è avvenuto nel Maggio del 2023 diviene simbolo degli oltre 450 eventi climatici estremi che negli ultimi due anni hanno sconvolto l’Italia incrementando il conteggio di danni e vittime umane (oltre 100 miliardi di euro in danni e 22.000 vittime dal 1982 ad oggi. Nel 2023 l'incremento degli eventi estremi è del 135% rispetto all'anno precedente. Il disastro del 16 maggio 2023 è stato il peggior disastro climatico della storia d'Italia e il terzo evento estremo al mondo del 2023 per danni). Ma non solo: queste storie vere ci dimostrano la drammatica realtà di un clima che cambia e l’urgenza di un futuro più consapevole e responsabile.